ICEA

I nostri sono impianti certificati Biologici dall’ente ICEA

Agrobiologica Antonella Romano dispone di due impianti autonomi dotati di spietratore, densimetrica, decorticatrice e selezionatrice ottica all’avanguardia e di un mulino a pietra, il tutto destinato alla trasformazione di Cereali e Legumi Biologici. L’ Azienda è in grado di seguire il prodotto dalla trebbiatura, sfruttando la vasca di raccolta collegata direttamente al vaglio prepulitore ed all’ essiccatoio. Inoltre l’Azienda effettua trattamenti antiparassitari su prodotti con segni di infestazioni


Tracciabilità

Alle materie prime in ingresso viene assegnato uno specifico protocollo ed ogni trasformazione è accompagnata da una scheda identificativa permettendo cosi di avere una tracciabilità completa. Il protocollo interno prevede il prelievo di campioni rappresentativi come previsto da regolamento C.E. n°401/2006.

 

Controllo Qualità

Le materie prime vengono sottoposte ad accurati controlli qualitativi (Impurità, Presenza/Assenza infestanti, Umidità, Odore, ecc.) per convalidarne la conformità. Per garantire la massima efficienza e qualità delle rese, il quantitativo minimo di prodotto lavorabile parte dai 30 quintali ca.


 

Selezionatura

Il processo garantisce un prodotto privo da impurità, semi danneggiati o corpi estranei. La 1° fase, Selezionatura meccanica viene effettuata mediante macchinari quali separatori, spietratrici, vagliatrici e densimetriche ecc.. fornendo un buon prodotto già privo di impurità ma grazie alla 2° e ultima fase di Selezionatura Ottica (avanguardia tecnologica), garantiamo una qualità eccellente selezionando le sementi con differenze cromatiche e fornendo un prodotto omogeno e di qualità superiore.

Decorticatura

Processo meccanico costituito da una serie di impianti dedicati all’esportazione del tegumento esterno del Cereale o Legume. L’Azienda è alla continua ricerca dell’ ottimizzazione del servizio, cosi da poter aumentare la resa e diminuire gli scarti. Il prodotto risultante è generalmente più digeribile e più facile da cuocere.

Molitura

L’Azienda impiega, per la realizzazione di farine, un mulino a pietra per produzione su scala industriale. Tale tecnica evita il surriscaldamento mantenendo inalterato le qualità nutritive del seme. L’Agrobiologica macina esclusivamente sementi biologiche e, con gli anni, è riuscita ad ottenere farine molto particolari come, ad esempio, quella di lenticchie, di grano saraceno, di sorgo, della fagiolina del Trasimeno, di ceci, di piselli roveglia e di riso.

Trattamento Antiparassitario

Gli standard dei regolmenti sul Biologico  impongono all’Azienda di utilizzare come uniche tecniche antiparassitarie il ciclo del freddo ed il trattamento con anidride carbonica. Attraverso l’uso combinato d questi due processi, l’Azienda è in grado di controllare in modo adeguato la presenza di parassiti,  quali insetti o muffe, senza incidere sulla vitalità e qualità del prodotto.

Essicazione

Successivo allo scarico, si effettua la misurazione dell’umidità ed il campionamento del prodotto. A seconda dell’umidità misurata,  si programmano i cicli di essicazione volti a far si che il prodotto diventi stabile. L’Essiccazione è quel processo grazie al quale si diminuisce l’umidità presente nel prodotto, che tenderebbe a degradarlo formando muffe ed impedendone la conservazione per lunghi periodi.

PrePulitura

La Prepulitura è la prima lavorazione fondamentale, successiva allo scarico del raccolto, in cui si effettua una grossolana separazione tra il prodotto ed i corpi estranei alla materia prima ( insetti, sassi, semi e porzioni di erbe infestanti…)

Infrastrutture & Stoccaggio

Nel corso degli anni l’Azienda ha investito in infrastrutture, ad oggi dispone per il magazzino e lo stoccaggio di:

 

  • Tendo Struttura: destinata allo stoccaggio delle materie prime in ingresso
  • n°5 Conteiner: destinati alle materie prime in partenza.
  • n°12 Silos: destinati al prodotto in lavorazione
  • Magazzino Refrigerato a 5°C, stoccaggio del prodotto finito per un medio lungo periodo
Lo standard lavorativo supportato è definito da big bags da 1000 kg o sacchi da 25 kg.